salta la parte di navigazione del sito, accesso diretto al contenuto

    milan 

Rubriche

CHAMPIONS LEAUGUE 2007/2008

Nella prima giornata di Champions League il Milan non ha tradito le aspettative della vigilia conquistando il successo contro il Benfica per 2-1. A San Siro gli uomini di Carlo Ancelotti si sono imposti grazie ad un gol di Pirlo che al 9' ha trasformato in rete un magistrale calcio di punizione. Il raddoppio č stato opera di Inzaghi, al 24'. Rete della bandiera al 92' di Nuno Gomes. Tanti applausi per l'ex Rui Costa.


LA PARTITA
Occorreva svestire i panni logori mostrati a Siena. Il gran galā di Champions richiedeva l'abito da sera, lussuoso, senza pieghe. Il Milan si č vestito da Diavolo per la prima in Champions League onorando come meglio non poteva la carica di campione d'Europa. Un gioco pulito, una manovra fluida e concreta e un uomo su tutti: quell'Andrea Pirlo che ha rischiato di saltare l'esordio continentale e che ha indossato i gradi di leader silenzioso e determinante, autore di una prova sensazionale che lo consacra, ancora una volta di pių, tra i migliori al mondo del suo ruolo. L'antipasto della gara ha visto in tavola l'ovazione di San Siro riservata al mai dimenticato Rui Costa, ma il primo piatto servito č rimasto subito indigesto al Benfica. La perla di Pirlo, e non č un gioco di parole, ma una giocata di lucentezza assoluta, che ha inchiodato all'incrocio dei pali il pur generoso Quim, ha spianato la strada agli uomini di Ancelotti che hanno trovato spazio e continuitā di manovra garantendo, attraverso il possesso palla e verticalizzazioni assolute, pericolositā costante alla difesa lusitana. Dopo aver sfiorato il raddoppio con Inzaghi, la partita del Milan ha assunto una piega quasi definitiva giā al 24' quando l'eroe di Atene (60esimo gol nelle coppe europee) ha finalizzato con il 2-0 una manovra iniziata da Kakā, impreziosita dal piedino magico di Pirlo e rifinita da Superpippo alla perfezione.



Rui Costa ha provato a dare uno scossone alla sua squadra impensierendo con un bel diagonale Dida, ma la verve offensiva del Benfica, presto esauritasi, non ha impaurito pių di tanto la difesa milanista se non in occasione di un palo, fortunoso, colpito da Cardozo con uno strampalato colpo di nuca. Kakā č stato incisivo a fasi alterne, la gara, subito indirizzata sui binari giusti, ha consentito al brasiliano di risparmiare energie, in questo momento, preziose. La classe di Seedorf, la sicurezza di Nesta e la sempre garantita generositā di Gattuso hanno fatto il resto. La ripresa č scivolata via con la formazione di Ancelotti che ha avuto l'opportunitā di arrotondare il risultato. Ci hanno provato ancora Inzaghi, Jankulovski, Kakā e il neo entrato Emerson: nulla da fare. La rete della bandiera di Nuno Gomes, al 92' ha reso meno amaro il punteggio ma non la sconfitta per il Benfica. In riferimento al numero di palle gol create il 2-1 sta stretto ai rossoneri, ma per una volta va bene cosė, il Milan ha mostrato tutta la sua forza, i campioni d'Europa sono ancora affamati.

G.AGGOGERI

 
 
Milan Club Castel Goffredo "Aldo Chioda"
c/o Bar "Da Laura" loc. Perosso, 46042 Castel Goffredo (MN)
e-mail: info@milanclubcastelgoffredo.it